GREEN PASS PER TUTTI LAVORATORI | OBBLIGO DAL 15 OTTOBRE

GREEN PASS PER TUTTI LAVORATORI | OBBLIGO DAL 15 OTTOBRE

Dal 15 ottobre scatta l’obbligo di possedere ed esibire su richiesta del datore di lavoro (o suo incaricato), il GREEN PASS per tutti i lavoratori del settore privato, a prescindere dalla natura subordinata o autonoma del rapporto di lavoro.


Ricordiamo che il controllo può avvenire <<anche a campione>>, e <<prevedendo prioritariamente, ove possibile, che tali controlli siano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro>>.

L’attività di accertamento da parte del datore di lavoro (o suo incaricato) deve attenersi anche al rispetto della riservatezza del lavoratore. E’ infatti importante che le aziende rispettino cautele ed adempimenti previsti dalla normativa vigente in materia di protezione dei dati.

Tra le cautele prioritarie affidate al soggetto verificatore, segnaliamo quelle che in generale riguardano la minimizzazione nel trattamento dei dati:

  1. La verifica è solo sulla validità del certificato; non anche se lo stesso è generato da vaccino, guarigione o tampone.
  2. Non creare banche dati e scadenziari; l’art.13 comma 5 del DPCM 17.06.2021 sulle modalità di verifica, a tale proposito stabilisce infatti che “L’attività di verifica delle certificazioni non comporta, in alcun caso, la raccolta dei dati dell’intestatario in qualunque forma”.
  3. Solo presa visione, non anche salvataggio/archiviazione (no screenshot); in generale, non memorizzare su alcun device.

Tra gli adempimenti privacy segnaliamo:

  • Predisposizione di una informativa sul trattamento dei dati
  • Atto di incarico/autorizzazione al trattamento dei dati (per il soggetto verificatore)
  • Aggiornamento del Registro del Trattamento (se previsto).

FAQ SU GREEN PASS

Di seguito le risposte alle domande frequenti sui DPCM riguardanti il Green Pass in ambito lavorativo firmati dal Presidente del Consiglio Mario Draghi.

https://www.governo.it/it/articolo/green-pass-faq-sui-dpcm-firmati-dal-presidente-draghi/18223