fbpx
CHIUDI

th_admin

Il 28 febbraio 2023 scade il termine entro il quale va effettuato il pagamento dell’abbonamento per musica d’ambiente. 

Grazie agli accordi in essere con la Siae, gli associati possono beneficiare di uno sconto del 15%, dietro presentazione del certificato che attesta lo stato associativo.

L’agevolazione è subordinata al rispetto dei termini di pagamento fissati di anno in anno. In altri termini, dopo la scadenza del 28 febbraio 2023 gli Associati non potranno più godere dello sconto.


Per ottenere lo sconto, è necessario presentare alla SIAE l’attestazione del proprio stato associativo, che i Soci possono richiedere direttamente alla propria segreteria associativa oppure compilando il nostro form online dedicato alle convenzioni (selezionando SIAE tra le opzioni):

COMPILA IL FORM

A tal proposito, specifichiamo che, anche in caso di ricezione di MAV bancario per il pagamento, l’impresa associata dovrà comunque richiedere l’attestazione associativa ed inviarla all’Ufficio Territoriale SIAE competente.


MUSICA D’AMBIENTE | Altri aggiornamenti

Nell’attuale panoramica della gestione dei diritti d’autore, SIAE non è più l’unica collecting. Per quel che riguarda la musica d’ambiente, parte del repertorio musicale è oggi rappresentato da LEA/Soundreef (Liberi Editori e Autori). Secondo un contratto di mandato stipulato tra le due citate collecting, la SIAE, fino ad ora, ha incassato anche la quota di diritto d’autore dovuta a LEA, con riferimento a pubbliche esecuzioni con strumento meccanico e musica d’ambiente. Secondo quanto comunicato da SIAE, a partire dal 1° luglio 2022, la licenza SIAE non coprirà più l’eventuale utilizzo di opere appartenenti al catalogo amministrato da LEA.

Se diffondi musica d’ambiente, infine, per essere in regola non basta il pagamento dei diritti d’autore alla SIAE, ma è necessaria anche la licenza SCF per i “diritti connessi”, ossia quelli che spettano all’artista e al produttore discografico. 

 

La Giunta Capitolina ha approvato il calendario delle domeniche di blocco della circolazione di veicoli a motore endotermico nella zona ZTL “Fascia verde”, relativo alla stagione invernale 2022-2023.

Due le novità di quest’anno: le domeniche passano da 4 a 5 e saranno accompagnate da eventi pubblici di informazione e sensibilizzazione su temi ambientali.

Queste le date programmate:

  • 20 novembre 2022
  • 4 dicembre 2022
  • 8 gennaio 2023
  • 5 febbraio 2023
  • 26 marzo 2023

Tutte le specifiche relative a fasce orarie, classe ambientale dei veicoli interessati, categorie eventualmente derogate o esentate dai divieti saranno comunicate nelle singole ordinanze relative a ciascuna data.

 

Alla luce dell’attuale congiuntura recessiva che il sistema economico dell’intero Paese sta attraversando, la Camera di Commercio di Roma intende sostenere gli aspiranti imprenditori nella costituzione di nuove imprese attraverso il Bando Nuove Imprese 2022.

La misura consiste in un contributo a fondo perduto fino ad un massimo di 2.500 euro (al netto dell’IVA), o fino ad un massimo di 3.000 euro (al netto dell’IVA, nel caso di costituzione di società di capitali), a copertura del costo di alcuni servizi individuati dall’aspirante imprenditore come necessari alla costituzione della nuova impresa.


Servizi e tariffe

L’elenco dei servizi offerti e delle relative tariffe applicate è contenuto nel regolamento dell’Avviso:

BANDO NUOVE IMPRESE 2022


Come si accede al contributo?

Se stai avviando una nuova impresa a Roma e vuoi maggiori informazioni o assistenza tecnica per presentare domanda di accesso al bando, puoi rivolgerti al nostro CENTRO DI ASSISTENZA TECNICA, riconosciuto ufficialmente dalla Camera di Commercio di Roma quale soggetto attuatore del Bando.

☎  06.68437369
📧 g.digioia@confcommercioroma.it

CONTATTACI


In Confcommercio Roma, grazie alla competenza e all’esperienza dei nostri tecnici e dei nostri funzionari, offriamo agli aspiranti imprenditori tutta l’assistenza necessaria per portare a termine i numerosi adempimenti burocratici indispensabili in fase di apertura attività, nel pieno rispetto di una normativa molto complessa.

Una volta terminato l’iter di apertura, le nostre Associazioni – di categoria e territoriali – affiancano l’impresa giorno dopo giorno, offrendo servizi, opportunità e formazione indispensabili per portare avanti con successo l’attività imprenditoriale.

SCOPRI CONFCOMMERCIO ROMA


 

Allegati

Con l’ordinanza n. 70 del 29 aprile 2022 il Sindaco Gualtieri ha prorogato le misure per fronteggiare il fenomeno delle c.d. “malamovida”.

In particolare, nel territorio dei Municipi I, II,V,VI e XIII è previsto l’obbligo di chiusura anticipata nelle giornate del venerdì, sabato e domenicadalle ore 22:00 fino alle ore 5:00 del giorno successivodegli esercizi di vicinato del settore alimentare (ad esclusione di quelli che consentono la consumazione sul posto mediante tavoli collocati all’interno dei locali) e del settore misto.

L’ordinanza entrerà in vigore dalle ore 00:01 del 1° maggio 2022 fino alle ore 24:00 del 2 ottobre 2022.

L’inosservanza di quanto disposto dall’ordinanza verrà punita con la sanzione amministrativa del pagamento della somma da euro € 75,00 a 450,00.


IN EVIDENZA: a seguito della sentenza del Consiglio di Stato n. 02918 del 22 aprile 2022, l’ordinanza sindacale specifica che sono esclusi gli esercizi di vicinato che consentono il consumo sul posto mediante tavoli interni al locale.

Allegati

Nella Capitale il 12% delle imprese si sente meno sicuro rispetto a 12 mesi fa, il dato è in costante calo da quattro anni. L’analisi per dimensione dei centri abitati nei quali operano le imprese mostra, inoltre, come siano quelle che operano nelle grandi città come Roma a temere più delle altre la criminalità (16,2% contro un dato medio dell’11,8%).

Il 17,7% degli imprenditori – a livello nazionale – sono “molto” preoccupati per chi fa il proprio mestiere nella zona in cui essi stessi lavorano a causa dell’esposizione al rischio di usura, racket e estorsioni. Il dato sale al 22,0% presso gli imprenditori che operano a Roma, tra i quali particolarmente esposti sono risultati gli imprenditori del commercio al dettaglio non alimentare.

Al crescere delle dimensioni del centro abitato diminuisce il livello della qualità della vita percepito, crescono i fenomeni di degrado e cresce l’esposizione delle imprese a fenomeni di usura e racket. Nei grandi centri abitati con oltre 250.000 abitanti il 70% delle imprese ha rilevato negli ultimi anni fenomeni di degrado urbano ed il 25% ha registrato nel medesimo periodo una diminuzione della qualità della vita. Il dato delle imprese che si sentono più direttamente esposte ai fenomeni dell’usura, del racket e delle estorsioni è pari al 22%. Si tratta di dati che risultano pressoché dimezzati nei centri urbani di dimensione più piccola o comunque molto al di sotto della media campione.

Questi i principali dati presentati oggi nel corso dell’annuale iniziativa “Legalità ci piace!” organizzata da Confcommercio.


“L’indagine presentata oggi nel corso della giornata della legalità – spiega il Commissario di Confcommercio Roma, Pier Andrea Chevallard – evidenzia come diverse fattispecie di illegalità condizionano ancora pesantemente il tessuto imprenditoriale della nostra città, impedendo il naturale sviluppo dello stesso. La percezione di insicurezza unità al degrado urbano – prosegue il Commissario – rendono infatti poco attrattivo il nostro territorio per chi vuole fare impresa: per questo, ringraziando le forze dell’ordine per il loro quotidiano impegno a tutela della legalità, chiediamo alle Istituzioni di fare ancora di più e di presidiare il territorio: ben vengano quindi misure come quella annunciata oggi dall’Assessore alle Attività Produttive Monica Lucarelli in cui viene costituita una task force di Vigili urbani per combattere l’abusivismo commerciale e il degrado nel centro di Roma. Il nostro auspicio è quello che dopo la lunga crisi economica provocata dalla pandemia tutto il comparto del terziario possa tornare a crescere facendo da volano allo sviluppo della Capitale”.


SINTESI INDAGINE

APPROFONDIMENTI

AMBULATORIO ANTIUSURA CONFCOMMERCIO ROMA


ALLEGATI

Il 7 aprile 2022 è stato pubblicato il Decreto del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese del MISE, che riporta i criteri di attuazione del “Fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio“, e le modalità di richiesta del relativo contributo a fondo perduto. Per fruire dell’agevolazione, le imprese devono presentare un ammontare di ricavi riferito al 2019 non superiore a 2 milioni di euro e devono aver subito una riduzione del fatturato nel 2021 non inferiore al trenta per cento rispetto al 2019.

Continue reading “Fondo per il rilancio delle attività economiche di commercio al dettaglio”

Decreto e modulo di domanda

Il 2 Ottobre è stato firmato il decreto interministeriale che rendi operativo il Fondo impresa Donna, con una dotazione di 40 milioni di euro, ai quali si aggiungeranno le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza, pari a 400 milioni, destinate all’imprenditoria femminile.
Si attendono istruzioni e tempi certi sull’apertura delle domande.

Continue reading “Fondo Impresa Femminile”

Diventano operativi i nuovi Accordi per l’innovazione del Ministero dello sviluppo economico per sostenere le imprese che investono in ricerca e sviluppo industriale attraverso contributi e finanziamenti agevolati.

Continue reading “Accordi per l’innovazione”

Decreto e modulo di domanda