INTERVISTA A RENATO BORGHI: «LO STALLO POLITICO FA PAURA ALLA CITTÀ»

INTERVISTA A RENATO BORGHI: «LO STALLO POLITICO FA PAURA ALLA CITTÀ»

Renato Borghi, Commissario della Confcommercio Roma, guarda al risultato elettorale delle politiche e delle regionali con scetticismo: la paura è lo stallo e dunque l’impossibilità di governare per il bene della città e del suo sistema produttivo.

Borghi, nella Regione Lazio Zingaretti ha vinto ma non ha la maggioranza, qual è il rischio? «Oggettivamente mi pare che la governabilità sia più lontana a livello nazionale che locale. L’Italia e il Lazio non possono permettersi fasi di non governo. Al contrario, abbiamo bisogno di esecutivi stabili ed efficaci che ci aiutino finalmente ad agganciare questo spiraglio di ripresa economica. E poi è la qualità della divisione che più mi preoccupa. La politica spettacolarizzata e personalizzata fa sì che si sposti l’argomento del contendere: dai programmi alla biografie individuali, dalle idee alla superiorità/inferiorità morale. In uno scenario del genere, trovare punti di accordo e possibili mediazioni diventa molto difficile».

Leggi tutta l’intervista su Il Tempo >>