Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi offerti da questo sito e per ottimizzare l'esperienza dell'utente.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

CENTRO STORICO, CONFCOMMERCIO: "ORMAI È CASBAH SENZA REGOLE"

"Gli allarmi lanciati dagli organi di stampa negli ultimi giorni sulla 'morte' di quello che rappresentava il commercio a Roma non fanno altro che confermare quello che purtroppo da tempo stiamo denunciando: il centro commerciale naturale all'aperto più grande del mondo inserito nel sito archeologico più importante del mondo sta sempre più assumendo le sembianze di una casbah senza regole. Di tutto questo scempio dobbiamo ringraziare una governance poco attenta alla reale e corretta gestione delle problematiche della capitale italiana".

È quanto dichiara in una nota David Sermoneta, Presidente di Confcommercio Centro Storico

"Ogni settimana che passa- prosegue Sermoneta - il centro storico di Roma cambia in peggio il suo volto: oltre all'inarrestabile degrado urbano e alla mancanza di controlli, le nostre vie stanno perdendo la propria identità culturale fatta di residenti, botteghe storiche ed artigiani in favore di un turismo maleducato mordi e fuggi e di negozi di souvenir gestiti in maniera discutibile. Prima che sia davvero troppo tardi, è urgente che ognuno, a cominciare dalle Istituzioni che hanno il dovere di difendere questo patrimonio culturale, faccia il proprio dovere per ridare dignità a una delle capitali più antiche e celebrate del mondo".