CIVITAVECCHIA, OCCUPAZIONE BILANCIO IN NEGATIVO.”AMMINISTRAZIONE OSTINATA, LA CATEGORIA È CONTRARIA”

CIVITAVECCHIA, OCCUPAZIONE BILANCIO IN NEGATIVO.”AMMINISTRAZIONE OSTINATA, LA CATEGORIA È CONTRARIA”

«Le vendite al dettaglio nel mese di dicembre 2017, rispetto al mese precedente, hanno registrato una diminuzione dello 0,3% sia in valore sia in volume. Diminuiscono, in particolare, sia le vendite di beni alimentari sia quelle di beni non alimentari (rispettivamente dello 0,2% e dello 0,3%, in valore e in volume). Rispetto all’anno precedente, le vendite al dettaglio registrano una flessione dello 0,1% in valore e dello 0,9% in volume». Lo dichiara la Confcommercio, affermando che a Civitavecchia «su due giovani civitavecchiesi in cerca di lavoro soltanto uno riesce ad avere un’occupazione che, oltretutto, non è neanche stabile. Dati drammatici – scrive Graziano Luciani – che rappresentano la situazione di una città in cui i giovani hanno enormi difficoltà nel trovare un posto di lavoro, anche e soprattutto nel comparto del terziario».

«La ricetta delle forze istituzionali cittadine prosegue la Confcommercio – prima tra tutte l’Amministrazione comunale, dovrebbe essere finalizzata ad individuare soluzioni concertate e condivise nell’interesse di tutta la comunità, e con una visione di lungo periodo che permetta un vero rilancio del territorio anche a beneficio delle generazioni a venire. Ed, invece – si legge nella nota – ci troviamo ancora una volta a leggere l’ostinata e cieca volontà di questa Amministrazione – la stessa che nel proprio programma manifestava contrarietà all’apertura di nuove strutture commerciali – di realizzare, addirittura in tempi rapidi, un mostro commerciale che vede contraria l’intera categoria.

Leggi tutto l’articolo de La Provincia >>